L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

mercoledì 2 marzo 2011

Tomaso e Geronimo nel mezzo della tempesta!

Tanto tempo fa Tomaso intraprese un viaggio, il nostro amichetto Geronimo l'ho segui senza che lui se ne accorgesse. Tomaso fece i preparativi e Geronimo si nascose con il suo piccolo bagaglio nella borsa....Partirono all'alba con la nave. Tomaso era contentissimo e Geronimo sporse la sua testina è guardava a l'orrizzonte il porto che si allontanava sempre di più...c'era questa brezza che accarezzava il viso come un petalo di un fiore. Arrivata la sera Tomaso si ritiro in cabina e si sedette nella sua scrivania e prese carta penna e calamaio e buttò giù qualche scritto, intanto Geronimo si era sdraiato nella poltroncina è guardava tomaso, e pensava qualche scherzetto da fare al nostro caro tomaso. A un certo punto tomaso si alzo dalla scrivania sbadiglio e si corico in letto e si addormentò subito, anche geronimo prese sonno! A metà notte si alzo il vento e man mano aumentava sempre di più le sedie e il tavolo cominciarono a muoversi è la porta non si arrestava a bussare. Tomaso si alzò di soprassalto anche il nostro amico geronimo, Tomaso si alzò e guardò fuori dall'oblo, si vedevano queste onde gigantesche, cominciò a mormorare oh madonna mia, caderò le valigie poi all'improvviso si spense la luce, Tomaso fece un'esclamazione sono in Paradiso! Allora in quel momento Geronimo si approfittò della situazione gli rispose sono in paradiso! Tomaso ma chi parla? Geronimo ripetè ma chi parla? Tomaso disse eppure hai una voce che assomiglia a un topolino che abità nella mia casa...a un certo punto si accese la luce e tomaso fece un'altra esclamazione sono tornato nella terra! Il topolino non rispose e si nascose sotto il letto. Che strano ero certo che ci fosse qualcuno in questa stanza sarà stata una mia impressione. Tomaso si sedette nel letto è geronimo cominciò a far dispetti! trovò una pallina vicino al comò e la fece scorrere è andò adosso al piede di Tomaso! Oh cosa è stato? Questa pallina da dove sbucca? Intanto il topolino si avvicinò alla scrivania e fece cadere la penna..Tomaso si girò e disse ma come? Adesso la penna, si alzò è la tiro su. Tornò nel suo letto nel fratempo cade la lampada! Ma come? Sembra che ci siano gli spiriti....Ritornò sulla scrivania sistemò la lampada. Intanto geronimo gli rubò l'orologio. Tomaso ritorno a sedersi e disse aspettiamo che questa tempesta si placchi! Si apisolò, geronimo prese la piuma e gliela strofinò sul naso, tomaso cominciò a muovere il naso e dette un forte starnuto, si sveglio mamma mia che prurito, il topolino si nascose...tomaso rivolse lo sguardo verso il comò e urlo, dove è finito il mio orologio? Come! non c'è nessuno in questa stanza, come possibile....Non penso che ci sia quella piccola canaglia, però a pensarci la voce, e tutti quegli oggetti che son caduti. Noooooo GERONIMO è qui! Il topolino fece la sua tipica risatina! Tomaso gli corse adietro per tutta la stanza nonostante che il mare fosse in tempesta! Il topolino gli mostrava i denti e tomaso si arrabbiava sempre di più non si sa per quanto durò la caccia a Geronimo....Che a un certo punto stanchi presero il sonno uno vicino all'altro, sembravano per fino grandi amici!

Nessun commento:

Posta un commento