L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

sabato 14 aprile 2012

DOPO IL TEATRO

video

Dopo lo spettacolo, 
quando il teatro è vuoto, 
nella quiete che segue il battimani,
alla luce discreta di una lampada, 
amo gironzolare giù in platea, 
salire in galleria 
o starmene in palcoscenico a pensare.
Allora l'animo mio è lieto e sgomento: 
quando tutto è finito 
e gli attori, dopo la festa, vanno via.
E' allora, mentre le dita sfiorano 
il morbido velluto del sipario, 
che comprendo cos'è quest'amore, 
quale magìa mi tiene avvinto
 a questo spazio chiuso e illimitato.
Teatro, tempio di gesti e di parole,
dove la mente lievita 
e accelerano i battiti del cuore.
Teatro, fabbrica d' emozioni,
specchio di vanità, 
castello di cartapesta, inconsistente, 
ma vero come il sudore.
Teatro, caduco a volte 
come i sogni infranti,
ma struggente 
come le lacrime e i sospiri.
Teatro, tribunale severo, 
caldo come le mani giunte 
o freddo come un rifiuto,
oppure tiepido 
come un sorriso di circostanza. 
Teatro, altare all'arte, 
piazza d'umanità, rimedio alla noia, 
dov'è trascorsa viva la mia vita.
E' allora, in quei momenti, 
quando rimango solo in palcoscenico,
che accanto a me, mortale, 
appaiono gli immortali, gli eterni:
i personaggi.
Odo le loro voci e sono tante, 
tutte a me familiari.
Così, a quella folla amica, 
si placa il mio timore:
perché so che dopo il Teatro, 
nell'inquieto silenzio 
 che precede la notte, 
nel breve cammino 
che mi porta alla mèta, 
ci saranno loro, 
le creature immutabili, 
a farmi compagnia.

                           Nigel Davemport

18 commenti:

  1. Caspita che bella e con quella musica fa proprio emozionare! Bravo Guardiano!

    RispondiElimina
  2. Davvero Toccante...ascoltando dopo un pò ho provato a sostituire la parola "Teatro" con..."Vita" ...e mi sembrava appropriata, come se si stesse narrando di una vita non qualunque, ma di quelle vite che hanno vissuto sempre nella ricerca della positività e pacatezza, senza certezza immediata, ma con la consapevolezza del dopo...Teatro. Ciao.

    RispondiElimina
  3. stupenda!!!!!!!!
    la conoscevo già ma e' sempre un'emozione indicibile ascoltarla!
    tvb
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
  4. > Pino Palumbo ha scritto
    > ho provato a sostituire la
    > parola "Teatro" con..."Vita"

    Conosco l'autore abbastanza bene e posso confermare che è esattamente questo il significato della poesia.
    A scuola dovevi essere il primo della classe! ;)

    RispondiElimina
  5. ciao Nigel bellissimo video , tra la musica, le parole piu'la voce, ci si emoziona molto, complimenti questo e' il tuo regno.)) ciao buona serata rosa e buona domenica a tutti:))

    RispondiElimina
  6. Un video così bello da far piangere!
    Sei una persona non comune Nigel, un grande artista!
    Ester

    RispondiElimina
  7. Lirica, significativa metafora esistenziale!

    RispondiElimina
  8. E' stupendo... Fa venire i brividi per quanto sia emozionante, poi con quella musica del grande Ennio Morricone... è spettacolare!!!
    Tutti i miei complimenti!

    RispondiElimina
  9. Quando lo spettacolo finisce lo spirito è lieto e sgomento! Penso che questi aggettivi apparentemente antitetici, descrivano bene la complessità delle emozioni indefinibili che si susseguono salendo su un palcoscenico fino a pochi minuti prima VIVO. chi ha fatto, in qualche modo, teatro, la conosce bene quella sensazione.
    Complimenti mio caro Guardiano, non hai interpretato o recitato in questo video, ma sei stato vero e per questo ancora più emozionante!

    RispondiElimina
  10. Molto bella.

    Complimenti!

    Mi fai avere video e testo?

    Grazie!

    RispondiElimina
  11. Un trinomio meravigliosamente struggente: musica, immagini, parole. Grazie e buona serata♥

    RispondiElimina
  12. Stimatissimi amici ed amiche,
    ringrazio tutti/e dal profondo del cuore per l'attenzione ed i garbati commenti.

    RispondiElimina
  13. ciao Nigel, perche' hai tolto il video? Anche se le parole sono belle e possiamo immaginare l'emozione che provi quando sei li',manca qualcosa, che completa il quadro, era personalizzato...
    Se hai deciso cosi cque avrai i tuoi motivi.)) a presto rosa buon pomeriggio:))

    RispondiElimina
  14. Ciao Rosa,
    è vero, adesso l'emozione non è quella di prima.
    Comunque ti ho spedito una mail per chiarirti il motivo della mia iniziativa.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  15. Caro Nigel....Ciao....Estremamente toccante questa poesia...
    Spesso il teatro Rappresenta la vita di tutti noi,dietro a tanti sorrisi a volte c'e' tanta malinconia....I commedianti con le loro battute ti portano in un mondo fatto di ideli e buoni principi ,ma poi....????Poi quando tutto tace si ritorna alla vita ,quella Vera ,quella che spesso non ti ridere....
    Grazie caro....
    Ti inviero' una mail!
    Raffaella

    RispondiElimina
  16. Vorrei contattare Giovy per un mio ringraziamento per avermi citato nel suo commento...ma non trovo il modo...Giovy (o chiunque altro)...puoi darmi il tuo link? Vorrei anche passare dal tuo blog....Grazie. Ciao.

    RispondiElimina
  17. Sono senza parole Nigel.
    Stupenda descrizione dell'arte teatrale e toccante confessione di una grande passione.
    Ogni volta che ti leggo sento dei brividi, per questo ti devo ringraziare, sai offrire momenti di lettura eccezionali, un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Ciao Soledoro,
    ti ringrazio dell'attenzione.
    I tuoi complimenti mi fanno molto piacere perché provengono da una persona in gamba e soprattutto sincera!
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina