L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

lunedì 17 novembre 2014

Bianca Marasco: una vita per l'arte


Bianca Marasco

Esistono artisti che un per un motivo o per l'altro non raggiungono mai la notorietà, un po' perché modesti e riservati, un po' perché i mass media promuovono soltanto chi è già famoso di suo, nel bene e nel male. 
Alla tv e sui rotocalchi ad esempio si vedono sempre le stesse facce (gente che si ricicla e succede a se stessa nei secoli dei secoli) oppure capita che un grosso malfattore non solo salga agli onori della cronaca, ma venga chiamato pure a girare un film, mentre una persona qualunque, per quanto dotata di talento, è condannata a vivere nell' ombra.
Ma adesso, scusandomi per questa premessa un po' polemica, voglio presentarvi uno dei tanti artisti anonimi, una donna scomparsa tre anni fa, che ho avuto l'onore di conoscere personalmente e che ha dedicato tutta la propria vita all'arte: Bianca Marasco, pianista, poetessa ed attrice (in gioventù).
Partenopea, diplomata in pianoforte al Conservatorio di S. Pietro a Majella, sposata con un musicista, col quale ha avuto tre figli, è pronipote di uno dei più apprezzati drammaturghi italiani della seconda metà dell' Ottocento. 
Durante la sua vita, Bianca ha scritto sei o sette volumetti di poesie, tutti regolarmente pubblicati e, pur senza arrivare alla notorietà,  ha ricevuto diversi riconoscimenti. 
In questo post ho scelto di presentarvi un "Notturno" di Chopin (abbreviato) eseguito al pianoforte, e due liriche in dialetto napoletano, senza traduzione a fronte, ma che dovrebbero risultare comprensibili a tutti. 
Si tratta di brani semplici e brevi, ma significativi, che serviranno a darvi un piccolo saggio delle sue capacità.
Un caro saluto a tutti gli amici ed amiche dell'Angolo.                                                                                                                                             Giovy

video





29 commenti:

  1. Spesso gli artisti più bravi non vengono valorizzati come meriterebbero.
    A presto.. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dream,
      grazie per la visita e il commento, che ricambierò al più presto ;-)

      Elimina
  2. Cara Giovy,spesso i veri talenti rimangono nel limbo, in un mondo che gira attorno ad interessi occulti ;ho apprezzato questa artista da ciò che hai proposto, evidentemente non è molto ma si può notare il suo stile.
    Ti auguro una buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E proprio vero, Cettina cara,
      le persone valide non verranno mai alla luce, perché invece della meritocrazia, prevalgono l'opportunismo e l'interesse.
      Ricambio di cuore i tuoi auguri e ti ringrazio.

      Elimina
  3. Cara Giovy, mi fa tanto piacere vedere che anche questi post qui nell'angolo del sorriso si possano leggere ed informare. io ne avevo sentito parlare leggendo ne web di questa brava signora e non conoscevo tutto di lei, per questo ti dico grazie di questo post molto interessante. Un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso caro,
      grazie per l'attenzione e la gentile visita.
      Ti ringrazio di cuore e ti abbraccio con affetto.

      Elimina
  4. hai fatto bene a postare questo ricordo di bianca
    anche io ho avuto l'onore di conoscerla... era una brava persona ed una grandissima signora
    suo figlio ti sarà tanto grato
    abbracci
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale,
      so che anche tu conoscevi Bianca, perciò puoi capirmi se ripeto che era una donna straordinaria e la sua scomparsa mi ha addolorato e ancora mi addolora.
      Un caro abbraccio.

      Elimina
  5. Bello e importante il tuo ricordo, Giovy. Hai fatto benissimo a parlarne. Le poesie mi sono piaciute mentre per il "notturno" aspetterò stasera perché dall'ufficio non riesco.
    Ti abbraccio.
    Un saluto a tutti gli amici dell'Angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella,
      tu certamente non hai avuto bisogno del traduttore napoletano/italiano ;-)
      Mi fa piacere se riesci a sentire pure la clip audio.
      Ti abbraccio con gratitudine ed affetto.

      Elimina
    2. L'ho ascoltata cara Giovy. E mi ha emozionato. Quando, tantissimo tempo fa, studiavo al Conservatorio della mia città, pensavo che forse un giorno, sarei riuscita ad essere così lieve e delicata da potermi esibire in un notturno di Chopin. Con il tempo imparai che non è affatto semplice. E la sensibilità (affatto comune) l'ho dirottata sulle parole. Mi riesce meglio. Grazie per averci fatto avvicinare ad una così delicata maestria.
      Ti abbraccio.

      Elimina
    3. Ps: no, non ho avuto bisogno del traduttore;)

      Elimina
    4. Cara Mariella,
      grazie, sei una persona gentile e di parola.
      Per caso, quando tu studiavi al conservatorio della tua città, il direttore era Montanino?
      Tanti abbracci.


      Elimina
    5. Cara Giovy, onestamente non me lo ricordo. E' passato molto tempo ed io ero poco più di una bambina.

      Elimina
  6. Ciao Giovy, Come su tutto per poter salire sui gradini in alto conta il talento ma devi avere un buon padrino
    complimenti a Bianca per i due brevi ma intensi brani
    ciao buona giornata.
    Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, caro Tiziano,
      è proprio come affermi: ci vuole sempre il santo in paradiso ;-)
      Grazie per la presenza, l'ho apprezzata molto.
      Buona serata.

      Elimina
  7. Grazie per aver scelto di presentare una persona a me cara.
    Un saluto a tutti gli amici lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una cosa che volevo fare da tempo.

      Elimina
  8. Cara Giovy,molto apprezzato questo post.
    Ancora una volta viene fuori che il talento viene messo in penombra.
    Ciao Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rakel,
      grazie per l'apprezzamento, di cui ti sono grata.
      Un caro saluto.

      Elimina
  9. Mi ha fatto molto piacere conoscere questa artista, forse un pò in ombra, ma molto valida , e sensibile, nelle sue opere.
    Grazie per questo gradito post, un caro saluto a tutti,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia,
      spero abbia afferrato tutto dei versi, anche se sono scritte in napoletano ;-)
      Grazie a te della visita.

      Elimina
  10. 'e puisie me so' piaciute 'miezz' e 'miezz'.
    Meglio Chopin.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco,
      messaggio ricevuto,
      grazie della visita e del gentile commento.
      A presto ;-)

      Elimina
  11. Ciao Giovanna, oltre ad essere brava a suonare, ne ho apprezzato il bel valore delle due poesie, specie la stella quando dice che se il bene ha saputo fà, nu ricordo lucente restarrà, e quest'angolo ci sa donare molto.
    Grazie di avermi fatto conoscere Bianca Marasco e un saluto.

    RispondiElimina
  12. Ciao Gaetano,
    veramente gentile a dedicare il tuo tempo a questo post.
    Un caro saluto e alla prossima... ;-)

    RispondiElimina
  13. Cara Giovy ,sono belle le poesie in dialetto napoletano hanno una grande musicalità ,peccato non ho potuto vedere il video ...Un caro saluto.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Bianca,
      grazie di cuore, non sai quanto mi faccia piacere il tuo parere positivo.
      Mi spiace per il video, se vuoi provo a spedirti l'audio via mail ;-)
      Un abbraccio e buona notte.

      Elimina
  14. Hey! Dolce Giovy... Mi ero perso questo tenero e dolce post. Si legge tutto il tuo puro sentimento per Bianca ed è bello e commovente.
    A parte il curriculum da te esposto che mette a conoscenza l'appartenenza ad una famiglia di artisti, mi sembra che lei stessa lo sia. I versi sono intrisi di quella schiettezza vera, meridionale che senza fronzoli, ma con essenzialità arrivano ad esternare profondi parallelerismi con la vita.
    A me, cara Giovy, me so' piaciute assaye!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina