L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

lunedì 10 novembre 2014

CORRERE,CORRERE,CORRERE!










Uffa, lunedì mattina.
L'imperativo quotidiano è correre, correre, correre.
Solo il pensiero di tirare giù dal letto questo corpicino abbastanza malandato e ancora stanco nonostante il fine settimana ecco:  già m'infurio.
Ma perché, mi domando, questi due giorni di pausa dal lavoro passano in un battibaleno?
Sono oltre vent'anni che tento di darmi una risposta. Ma non arriva.
NFATTI'. Passo quasi tutto il sabato a pulire, lucidare, lustrare, preparare.
E poi la spesa, il pranzo e la cena. 
Ed è già domenica.

Sarà per questo?

Certo c'è il sabato sera, volete mettere?
Cena con amici, cinema, gelato d'estate. Una mostra importante che si rimanda alla domenica.
Tanto a Milano è sempre tutto aperto.
Provo a respirare ma ecco, un pensiero improvviso mi ributta nella mia ansia perenne: diavolo, ho dimenticato che c'è da comprare il regalo per Anna,  lunedì è il suo compleanno.
E dire che avrei voluto passare la domenica sdraiata sul divano a leggere o a scrivere, quello che mi pare.
Pochissime ore da dedicare a me. Non avendo figli ecc...ecc... a volte ci riesco ad OZIARE. (So che a volte questo mio "status" suscita invidia).
E invece, alle cinque del pomeriggio mi tocca riuscire.
Cerca qua, cerca là  alla fine trovo una sciarpona avvolgente e caldissima, molto carina, con dei pois grandissimi!
Le piacerà sono sicura.
Si torna a casa, le luci sono accese. Che mi hanno tolto pure l'ora legale.

Si mangia qualcosa e via, proviamo a sederci e a vedere un film.
Ecco che però già crollo.
Le fatiche del fine settimana mi piombano tutte addosso.
E domani?
Domani è già lunedì.
Si ricomincia.
Prima o poi arriveranno le vacanze.
Giusto!
Manca "solo" un anno.

ARGHHHHHH


Dalle meravigliose avventure di un'oriunda milanese, poco "sciura" e molto terrona.

41 commenti:

  1. Quella del provare a vedere un film abbracciati su divano e crollare morfeizzati dopo cinque minuti, te la condivido che non t'immagini neanche... ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crollo di teste all'unisono? Perchè noi due facciamo proprio tac con la testa.
      Ahahah, abbraccio Franco.

      PS: L'unico programma che ci tiene svegli la domenica sera ( e pure incazzati ) è Report.

      Elimina
    2. Gabanelli for President (ma del Consiglio!!..)

      Elimina
  2. Ciao Mari,
    t'immagino sgambettare frettolosamente per le strade della megalopoli, con la tua elegante mìse da dirigente. Ormai di terrona avrai conservato ben poco e credo in vent'anni anche il tuo accento avrà assunto delle note lumbard.
    Ma tutto il mondo è paese e, settentrionale o meridionale, quello che conta è il cuore, cioè quello che si ha dentro e serve a distinguere gli uomini dai robot (tanto per restare in ambito kubrickiano) ^___*
    Simpatico cammeo di vita quotidiana, miniato con garbo.
    Un caro saluto e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi giorni piovosi, vado più spedita con gli stivaloni da pescatore che indosso.
      Ma cerco di tenere il ritmo.
      L'accento non l'ho perso del tutto. E appena torno a casa lo riprendo per intero.
      Grazie per i complimenti sempre graditi.
      Felice tu abbia apprezzato.
      Abbraccio.

      Elimina
  3. Cara Mariella,
    come ti capisco! Per noi donne il we è sempre troppo breve, visto che non sempre possiamo riposarci come vorremmo.
    Comunque sei veramente brava a scrivere, trovo anche questo post molto scorrevole ;))
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noi donne multitasking ci comprendiamo a vicenda. So che capisci eccome se lo so.
      Sul riposare, magari ne riparliamo in un'altra vita. Magari rinasceremo uomini, ahahahha
      Grazie Giovy, sei molto ma molto gentile amica cara.
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  4. Di solito per me è il contrario.. i miei due giorni liberi in mezzo alla settimana volano come un fulmine e il week end non passa mai perché sono al lavoro.. ognuno ha le sue ;)
    Buona giornata e a presto... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dream!
      Vedi? A secondo dell'attività lavorativa, cambia il punto di vista sui giorni della settimana. Ma di sicuro non la stanchezza accumulata.
      Però non ho mai pensato a come sarebbe stata la mia vita con ritmi lavorativi simili ai tuoi.
      Così a prima vista, non cambierei. Il fine settimana è anche il momento in cui sto di più con mio marito. Diversamente non riuscirei a starci assieme praticamente mai.
      Sarà davvero difficile per te conciliare tutto!
      Abbraccio grande.

      Elimina
  5. Cara Mariella, io lo ho capito già da sempre che la vita è una maratona, solo quando arriva la pensione si può provare a fermarsi a riposare!!!
    Spesso però non è finita e la maratona continua.
    Auguro a tutti gli amici dell'angolo del sorriso,
    una buona e felice giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, sai che se penso alla mia pensione, mi viene da immaginare un evento lontanissimo e forse irraggiungibile?
      Chissà cosa ci aspetta e se la vedremo mai...
      Una buona e serena giornata a te caro amico.

      Elimina
    2. Pensione?!? Di cosa state parlando? Miraggi, sogni, illusioni?!? :(

      Elimina
    3. Una mera illusione per noi...

      Elimina
  6. Prendila soft, ragazza mia. Comincia a pensare che la settimana inizia la domenica, come fanno gli anglosassoni e vedrai che tutto si distenderà!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se inizio a pensare che la settimana comincia la domenica, mi rovinerei pure il sabato!
      Eh no, va bene il crucccio ma facciamolo partire la domenica sera tardi.
      Abbraccio Mel cara!

      Elimina
  7. ll lunedì è una giornata durissima per tutti e in quella volata del weekend, in cui si sono racchiusi "sogni fantastici", non si fa altro, che correre, per sistemare i vari sospesi casalinghi accumulati durante la settimana lavorativa.....ma tutto questo fa parte del gioco, perchè poi, quando non si lavora più, manca quel nostalgico tram tram quotidiano.....un sorriso per te cara Mariella,silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia cara, dici che lo rimpiangerò? Non penso proprio che al momento giusto mi strapperò i capelli! Ahah bacio amica!

      Elimina
  8. Volete partecipare ad un simpatico gioco, paraenigmistico?
    Andate sul mio blog
    http://pincocris2011.blogspot.com

    e cliccate sulla caricatura di einstein, in alto a destra!
    Naturalmente, se ne avete voglia.
    Scusate l'invasione.
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. insomma è possibile che a rimetterci dobbiamo essere sempre noi donne!
    sigh...sigh... ;(
    lol ;))))
    brava la nostra cara narratrice!
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il carico da novanta e' ancora spesso e volentieri solo sulle nostre spalle. Sembrano esili come ali fragilissime di usignoli e invece ne sopportano. Finirà prima o poi questa ingiustizia! Ahahah mi sa che stasera le prendo (virtualmente parlando) dagli amici del blog. Abbraccio Esmeralda!

      Elimina
  10. Uno spaccato di vita quotidiana della metropoli del nord: un'oriunda del sud che ha sicuramente e pienamente condiviso il "modus vivendi" dei milanesi...
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ros, ansia e fretta le ho copiate tutte pari pari dai miei concittadini. Stride con l'anima pacifica che mi porto dietro e che ogni tanto viene fuori come un rigurgito di coscienza. Abbraccio!

      Elimina
  11. Se Robinson Crosue vivesse ai giorni nonstri, chiamerebbe il impatico indigeno dell'isola Lunedì e non Venerdì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, Costantino! Adoro il personaggio di Venerdì.
      Gli avrebbe tolto tutta la magia...
      Grazie per essere passato a trovarci.
      Un abbraccio.

      Elimina
  12. Ciao Mari,
    hai ragione, in questi ultimi tempi siamo sempre di corsa, spesso mi chiedo come ci riusciamo...
    Arriva il fine settimana, ma chi lo vede? Tutto ciò che non riusciamo a fare nei giorni precedenti li accumuliamo il Sabato e la Domenica, che stress!!!
    Dovresti scrivere un romanzo cara mia, il titolo te lo suggerisco io: Noi Donne Bioniche.
    Ahahahahah...baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, io sto correndo da secoli, o almeno così mi pare.
      C'era un telefilm se non mi sbaglio che vedevamo insieme da ragazzine che si intitolava La Donna Bionica.
      Secondo me ci ha fatto malissimo.
      Abbraccio forte.

      Elimina
  13. Ciao Carissima Mariella, con semplici reali veritiere parole, hai ben descritto un aspetto assai tangibile che ci coinvolge sempre di più soprattutto in questo nostro tempo… Il Tempo del ferro più nero che la storia dell’umanità abbia sperimentato.
    Quando le attività meccanicistiche prendono il sopravento, ecco che come per magia viene il sonno profondo.

    Penso che a volte sia necessario cambiare anche la strada abitudinaria che facciamo spesso o ogni giorno... Così' come è necessario sorride ad ogni aspetto che ci viene incontro, ma con la consapevolezza che tutto è necessaria illusione in questo mondo delle apparenze come anche delle salvifiche ridevoli espressioni che in qualche modo possono ricondurre anche a vere riscoperte interiori.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Raffaele.
      Molto tempo fa sorridevo più spesso di adesso.
      Mi veniva naturale; ora lo faccio con meno frequenza e mi manca.
      Hai perfettamente ragione, l'età che definisci del "ferro" sta prendendo il sopravvento.
      E invece avremmo bisogno di rallentare e pure di fermarci.
      Riconquistarci.
      Magari se fossimo tutti d'accordo...
      Ti abbraccio caro amico.

      Elimina
  14. Ciao Mariella, purtroppo lunedì e sempre stato il più temuto e più lungo di tutti i giorni
    Un caro e amichevole saluto
    Tiziano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno spiacevole imprevisto lungo un giorno...
      Grazie Tiziano, un abbraccio.

      Elimina
  15. Attimi anzi weekend di vita vissuta! ...ma non solo la tua... Ahaha Mariella mi sembra di leggere il racconto dei miri fine settimana. Per essere preciso quello di mia moglie.
    Eh sì mannaggia i lunedì! Non ci fossero! Però co darebbero i martedì....

    Buona serata Mari.
    Un saluto a tutto l'angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua moglie ed io dovremo conoscerci prima o poi. Abbiamo un sacco di cose in comune.
      Ci stanno sulle "scatole" pure gli stessi attori!
      Ma tu da vero uomo moderno dai una mano in casa?
      Abbraccio a te amico, grazie per i complimenti sinceri.
      Buona serata.

      Elimina
    2. Mamma mia leggo solo ora gli strafalcioni che ho scritto ieri sera con lo smartphone... senza occhiali e in "situazione precaria" d'attesa da un cliente...

      Certo che do una mano! Anzi, tenendo conto che sono il "commerciale" di una Azienda che si occupa di pulizie (tra gli altri servizi) e che spesso sono sul luogo del "servizio" con gli operatori (oltre a fare il commerciale mi occupo anche della programmazione dei loro turni di lavoro) MI PERMETTO di darle dei consigli che lei ovviamente, da buona casalinga (oltre al lavoro di ufficio) DECLINA PUNTUALMENTE! ...ahahah... e quindi mi limito ad ...ESEGUIRE GLI ORDINI! ...i suoi...

      Ciao Mari.
      Una buona giornata... e...hai visto che tra un commento e l'altro siamo arrivati a giovedì?!

      Elimina
    3. Eccone un altro che si "accontenta" di aspettare gli ordini! ahahah
      Visto e per fortuna caro Pino. E domani è venerdì. Una figata. Peccato per lo sciopero dei mezzi. Mi toccherà pure correre per cercare di non mancare l'ultima metro!

      Elimina
  16. Ciao Mariella, purtroppo il tuo racconto è comune a molte persone, va a finire che programmiamo di fare molte cose durante i due giorni di fine settimana che il Lunedì siamo più stanchi di un giorno lavorativo, invidio quelle persone che riescono ad oziare.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gaetano, infatti la corsa quotidiana ci accomuna in molti. Diciamo che alla fine, ci resta un bello scatto. E un fisico non indifferente.
      Guarda io cerco di oziare, almeno una mezza giornata a settimana. Ma non so come e perché capita sempre qualcosa che mi costringe a rimandare!!!
      Un caro saluto a te.

      Elimina
  17. Obbligati a correre dai tempi che viviamo, abbiamo soltanto una soluzione, quella di creare un distacco tra la vita esteriore e quella interiore. così, mentre lavoro o pulisco la casa, la mia anima vive la sua vita, con i ritmi suoi senza imposizioni. Il corpo fisico è soltanto una prolunga del corpo eterico......
    A me spaventa più di tutto il sabato che è da lontano, per me, il giorno più faticoso. Il Lunedì è una benedizione, ahhahaa, bisogna cambiare ottica. Un abbraccio Mariella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione cara Gabrielle, sono "point of view".
      Come cambiano le prospettive se variano gli angoli di osservazione.
      A proposito di distacco: io canticchio e mi isolo mentre pulisco; sono molto brava, del resto sono una sognatrice nata.
      Ma dura poco eh, soprattutto se poi il marito mi circola per casa tranquillo e beato in attesa che io finisca. Allora lo arruolo, ma intanto il sorriso mi è passato!!!
      Anche per me il sabato è il giorno più faticoso. E la domenica passa in un momento. Poi? Poi è di nuovo lunedì.
      Un caro saluto, Gabry e grazie.

      Elimina
  18. Ah!...dimenticavo di chiederti Mari...

    Belle quelle tre paia di gambe della foto!
    La domanda è: Due ovviamente sono le tue (non so se quelle di destra o di sinistra), quelle al centro, le riconosco, sono quelle della splendida Nigella ...ma le altre di chi sono?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle al centro di Nigella? Ma guarda che ti tolgo il saluto eh?

      Elimina