L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

martedì 24 febbraio 2015

IO E LA MIA CYCLETTE.




Immagine presa dal web


Domenica pomeriggio.

Pedalo e sbuffo. Sbuffo e pedalo. Ho da smaltire almeno cinque chili che mi porto sulla groppa da Natale.
Forse anche da prima.
Ho cambiato destinazione d'uso alla cyclette che ho in casa. 
Per anni è stata il mio attaccapanni preferito. Appese le mie borse. Quelle stagionali.
Circa una ventina, che nell'arco dei mesi mi divertivo ad usare, in una girandola di colori, formato e materia, cercando di non abbinarle alle scarpe...

I colori devo completarsi ma non essere gli stessi. 
Certo, non metterei mai un paio di scarpe nere e una borsa marrone.
Ma un  bel tacco di vernice nera con una borsa grigio scuro o verde, perché no?
D'estate poi, sono un fulgore di colori in perfetta armonia.

Capite come possa essere importante avere sottomano tutta l'armeria vero? Volete mettere svegliarsi alle sei e trenta del mattino e prendere la prima a caso e poi scoprire che sì, hai messo le scarpe rosse e ci hai abbinato la borsa nera? GIAMMAIIIIIIIII

Ognuna dimora nella sua custodia per proteggerle  dalla polvere e calamità naturali, tipo il marito che sbuffa ogni volta che nota un colore e una forma nuova...

E ad ogni cambio di stagione nuovo ritmo.
Le  borse invernali spariscono nel loro luogo di ricovero all'interno del mio armadio. Mentre le estive nel loro fulgore colorato passano ad illuminare la stanza. Altro che lampadine da 200 watt.

Da quando ho cambiato casa però, è avvenuta una piccola rivoluzione. 
Armadio più grande e tanto spazio in più. Due ripiani enormi in alto. A portata di mano quelle che uso tutti i giorni.

La cyclette è stata destinata alla stanza hobby-studio di mio marito.

Per cui avrebbe ripreso la sua vecchia funzione. Il condizionale è d'obbligo.
Durante il fine settimana e raramente la sera mi obbligo ad una passeggiata casalinga.Cuffie nelle orecchie e pedalare.

Musica e muscoli. Abbinamento perfetto.

Durerò poco. Tutta sta fatica mi fa solo venire voglia di mangiare.Ah... è l'ora della merenda.Ora scendo.

Solo cinque minuti IN TOTALE? Che ritmo. diventerò figherrima.
Nei miei sogni.
E per palestra il solito vecchio metodo. Un gran bel giro di shopping!

35 commenti:

  1. Buongiorno socia (nonché Mariella)
    io l'avrei pure commentato questo simpaticissimo post, ma dimmi tu: come fa un uomo a disquisire di abbinamenti fra borse e scarpette?!? Come potrei discutere di ciclette, io che sono sempre magro come un aringa, a causa della pe(l)uria di mezzi finanziari!
    E ancor più: come potrei parlare di ambienti domestici, io che ne posseggo solo uno, anche se in verità omnicomprensivo: lo sgabuzzin-cucinin-salottin-lettin-garagin-studiolo!!!
    Buona ginnastica in trattoria, figherrima amica.
    .
    .
    .

    ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro socio nonchè Guardiano. Potresti fare come mio marito: parlare di quanto costano e di quanto pesino quelle borse a livello di portafoglio. E poi rassegnarti perché non c'è altra via....
      Hai un angolo tutto per te a parte il nostro? Ma direi che è esagerato e consiglierei a Giovy di utilizzarlo come lavanderia, che in casa fa sempre comodo!
      Un salto in trattoria non si disdegna mai...
      Buona giornata

      Elimina
    2. La cycloria come la vedete?! Cyclette-trattoria per l'allenamento della caloria..

      Elimina
    3. Prima mangiare poi pedaylare? Io ci sto!

      Elimina
  2. Organizzarsi in tempo per abbinamenti perfetti, da trovare già pronti in un mattino dai tempi veloci....
    Simpaticissimo post, Mariella.
    Saluti a tutti, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao SILVIA! Io ci provo ad organizzarmi la vita ma non è che ci riesca sempre bene :))))

      Un abbraccio e grazie!

      Elimina
  3. se non ti serve più questa cyclette passala a me cara mariella... mi serve giusto un attaccapanni ;)) lol
    abbracciatona
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara EMSE: indirizzo per la spedizione?
      Ahahahah Baciooooooo

      Elimina
  4. Ma l'angolo del sorriso si è nascosto nell'armadio, oppure si è infilato in qualche borsetta?
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GUS! E' giusto lì tra la parte estiva ed invernale del mio quattro stagioni!

      Buona giornata a te.

      Elimina
  5. Come ti capisco, Mariella cara,
    anche a me servirebbe fare un po' di cyclette, per raggiungere il peso forma, ma al momento non sono in grado nemmeno di guardarmi allo specchio.
    Quest'influenza mi ha messo fuori causa.
    Complimenti per il simpatico post.
    Bacioni a te e saluti a tutti gli amici ed amiche dell'Angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giovy, rimettiti presto!
      Comprendo sia difficile visto che la tua metà piuttosto che avere cura di te ( come hai fatto tu ) passa le giornate nello sgabuzzino a pedalare....
      Un abbraccio grande.

      Elimina
  6. Mari non parliamo di cyclette: devo farla anche io e arrivata al minuto 20 il mio desiderio è quello di scendere!
    Hai tutta la mia solidarietà :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MEL! Minuto 20??? Ma allora ti stai allenando per le olimpiadi, complimenti!
      Bacioooo

      Elimina
  7. Si fa presto a dire
    "Ho fatto un incontro".
    L'incontro deve avere le caratteristiche di eccezionalità per essere preso in considerazione.
    L'altro giorno, così per fare qualcosa di nuovo, ho preso il tranvai.
    C'era un normalissimo tranviere che faceva trac-trac con la manovella.
    Ho pensato. Ecco, torno da mia moglie e dico: "Sai, ho fatto un incontro! Un tranviere".
    Ma dai, non è serio. Non è un incontro.
    Ma se, mentre sei lì col tranviere e questo inchioda di schianto il tranvai perché uno è passato veloce e poi apre lo sportello e grida "Cornuto!", la cosa si fa interessante.
    E sì, il passante offeso corre dietro al tram, si apre un varco, arriva vicino al tranviere e gli dice: " Mi scusi, ma perché mi ha detto cornuto? Come fa a sapere che io sono un cornuto?". E il tranviere che comincia a tremare come una foglia, si giustifica: " Non si offenda, lei ha attraversato all'improvviso e mi è scappata l'invettiva".
    "No, no lei ha ragione, io sono cornuto. Perché, vede, io mi sono sposato. Poi sono andato in Inghilterra, a Londra, sono stato due anni a lavorare, sono tornato e mia moglie aveva un bambino. Lei cosa avrebbe fatto?"
    Il tranviere fa un cenno e l'altro: " Eh, me lo sono tenuto! Soltanto che il bambino è cresciuto e bisognava mandarlo all'asilo, dalle suore a pagamento. E dopo l'asilo c'erano le elementari e mia moglie mi ha detto: " Lasciamolo dalle suore"....che mi costa, mi costa un occhio della testa. Dopo la scuola elementare, la scuola media ancora dalle suore.... cosa vuol farci sono troppo buono e l'ho lasciato lì dalle suore, sempre pagando l'ira di dio. Finita la media gli ho fatto fare il Liceo e in una scuola privata a pagamento. Lei cosa avrebbe fatto? Gli ho fatto fare il liceo. Quanto mi è costato 'sto figlio. Ma la settimana scorsa non ci ho visto più. Mia moglie mi fa: " Senti, ha finito il liceo bene, mandiamolo all'Università".
    " Ah no, no! sono sbottato a dire. "Fino a questo punto proprio no!" Perché il figlio di una buona donna, al massimo, può fare il tranviere!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda GUS, di solito i miei incontri nella stragrande maggioranza dei casi, sono piacevoli. Sai girovagando per negozi posso solo essere contenta quando esco. A dire il vero, mio marito un po' meno, ma come dicevo di sopra a Nigel, si è rassegnato.
      Molto divertente il tuo racconto!

      Una buona giornata.

      Elimina
    2. Gus ma è tuo il raccontino? E' fantastico! ;)

      Elimina
    3. E' teologia. L'incontro è decisivo per arrivare a Cristo, da deve essere un incontro particolare e non banale.

      Elimina
  8. E brava Mariella, lo sai che pure io tutte le mattine mi faccio 20 minuti di cyclette e confesso che mi fanno molto bene, e mi sento sempre in forma. continua sempre così!
    io i watt li produco pedalando:)
    Ciao e buona giornata a tutto l'angolo.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro TOMASO, tu si che mi hai dato una dritta da non sottovalutare. Quasi quasi costringo mio marito a pedalare al posto mio. Poi lo collego ad una dinamo. Sai che risparmio di energia elettrica? Buona giornata a te!

      Elimina
    2. Cara Mariella hai avuto una bella idea,bisogna produrre con fonti alternative , l'idea di collegare tuo marito ad una dinamo è proprio giusta per il risparmio energetico.
      Ti consiglio anche di mettergli dei pedali permanenti ai piedi e così la produzione è perenne.
      Auguri a tuo marito

      Elimina
    3. CETTINA, i pedali ai piedii oltre ai fili con cui lo manovro a distanza? Dici bene. Ora mi organizzo....
      Un abbraccio.

      Elimina
  9. Ottima organizzazione la tua.
    Piacevolmente letto
    Buon pomeriggio
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao RAKEL. Per le donne lavoratrici o meno, l'organizzazione è tutto;)
      Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  10. Complimenti, deve essere una faticaccia...penso che anch'io se avessi una cyclette in casa la userei come attaccapanni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao CINZIA! Guarda, potrei organizzare una pesca benefica tra te e ESME e vediamo chi se la aggiudica la cyclette!
      Un abbraccio e a presto.

      Elimina
  11. Cara Mariella, credevo che il tuo Post era improntato sul fatto che i nostri politici ci fanno pedalare abbondantemente in questi ultimi anni, invece trovo un bel monologo sul vostro bel modo di abbinare borse e scarpe, (mal comune mezzo gaudio) come si suol dire mettere il dito nella piaga, a casa mia è uguale a tutte le cose menzionate, hai descritto benissimo l'ambiente domestico tipico Italico, ma se a noi piace fare la ginnastica a tavola, tipo uno due, ripetutamente con forchetta e coltello, poi la Cyclette che la usiamo a fare? L'altro giorno su FB trovai una vignetta di Mafalda che diceva; Se qualcuno ha perso due chili, passi da me che li ho io! Ma se fossero solo due sarei felice!
    Ciao Mariella, e non stancarti a girare tutti quei negozi che oltre a perdere soldi potresti perdere anche il marito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro GAETANO a dirla tutta puoi leggere il post pure come una sottile metafora dei nostri giorni. In quanto a pedalare di certo non ci facciamo mancare nulla dentro e fuori di casa! Mio marito ormai si è attrezzato: si porta dietro le pagine dei suoi giornali sportivi preferiti e mi aspetta. Questo si che è amore! Un abbraccio e buona giornata!

      Elimina
  12. La mia cyclette continua a fungere da appendi tutto... in compenso ci si uccide di spinning in palestra. Lì alla bike ci appendiamo fegato e polmoni sbrindellati.. dicono faccia bene... (al proprietario della palestra seguro... )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente da fare: come appenditutto la cyclette e' imbattibile!

      Elimina
  13. eccomi, mi sono ritrovata in questo post....la mia cyclette porta cambio-abiti
    e pensare che in questo periodo le mie amiche si sono date tutte alla cyclette...e i loro risultati si vedono!!
    e io invece...niente continuo ad usarla in camera come porta abiti....
    possibile...mi dico...tutti i giorni c'è qualcuno in famiglia che mi dice di buttare giù qualche kg...e io invece niente trovo sempre delle scuse...

    e pensare che una volta usavo persino la bici da corsa...che giace impolverata in garage....
    aiutoooo! chiedo aiutoooo! chi mi può aiutare a riprendere a pedalare con la mia cyclette? datemi delle motivazioni che possano spingermi a farlo

    grazie saluti a tutti valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io cara VALERIA, cosa ci sto a fare qui? Dispenso consigli sulla cyclette. Mica non la uso. Ci vado quel che basta. Il necessario per sgombrare la mente e pensare allo spuntino successivo. Mii viene in mente sempre il locale giusto! Anche la mia bicicletta prende polvere in cantina. Ho deciso pero' che questa primavera la rispolvero e pedalerò fino al parco vicino. Ma lentamente. Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  14. Tanti anni fa succedeva anche a casa mia: un armadio gigante, un mostro, a disposizione della signora e padrona, poi uno ma moooooolto più esiguo per me. Adesso abbiamo conquistato la parità.
    ACCHECCAZZO
    Adesso ho diritto di mettere qualcosa anche nel mostro, dove la borsette hanno uno spazio rilevante.
    Ma oramai LEI non indossa più tacchi a spillo -dolori alla schiena- ah ah ah ah ah io non ho mai indossato tacchi a spillo e sti problemi non ce l'ho, tiè! Poi gli abbinamenti. Per fortuna moglie non milanista (rosso + nero ORRORE), moglie antijuventina (bianco + nero SCHIFO), per fortuna moglie interista, perfino lenzuola del letto nerazzurre, si dorme ottimamente, vero Mariè?
    Ma adesso qualche volta vado in Francia, cioè in Alsazia per essere precisi, e lì a casa di mia nipote trovo una stanza -intera- per: scarpe, borsette, vestiti,ninnoli, bigiotteria, profumi e cosmetici. Che meraviglia gli uomini di oggi!!!
    Si chiama Kim, un pacioccone francioso educatissimo che le vuole un gran bene e come si fa? A Cristina puoi voler solo bene oppure buttarla a mare.
    C'è anche un ciclino. Forse lo adopera lui.
    Boh.
    Ciao bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sento una eco nelle tue parole: Mariiiiiii che ci fanno le tue cose nella mia parte d'armadio? Sei la solita!!!
      Ma no dai, ho solo sconfinato leggermente...
      Un bacio amico mio.

      Elimina