L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

lunedì 2 marzo 2015

"BIRDMAN"

Brevi note sul film

*  *  *


Se volete farvi un’idea di cosa sia il teatro, visto da dietro le quinte, come foste degli addetti ai lavori, allora Birdman è la pellicola che fa per voi.
La storia, ambientata a new York, in uno storico teatro di Broadway, parla di un certo Riggan Thomson, attore cinematografico ormai in declino, divenuto famoso per aver intepretato l'uomo uccello, in una serie di successo. Thomson intende dimostrare a se stesso e a gli altri che il proprio talento va oltre le gesta del super eroe cinematografico, perciò decide di allestire una commedia, riservandosi il ruolo di regista ed interprete. L’artista sceglie di adattare alla bisogna: "Di cosa parliamo quando parliamo d'amore", un racconto di Raymond Carver.
Ma il suo “io cinematografico”, la voce stentorea e suadente di Birdman, lo blandisce e lo lusinga, finendo per fargli perdere il senso della realtà. L’uomo, in sostanza, non si rende conto che ha dinanzi a sé una sfida molto dura, in quanto il teatro è differente dal cinema e richiede doti particolari, per dispensare il successo; egli inoltre è afflitto da vari problemi familiari, che gli provocano conflitti, che a tratti appaiono irrisolvibili.
Attraverso le immagini delle prove che consentono allo spettatore di poter sbirciare “dietro le quinte” di un teatro ma pure nei vissuti, spesso drammatici, dei vari attori/personaggi, Alejandro Inarritu, il regista di Birdman, propone una storia di affermazione personale, perfettamente in linea con i tempi.  Ecco che appaiono, uno dopo l’altro, tutti i classici tic dell’attore: protagonismo, narcisismo, antagonismo, etc. Il regista messicano mette in scena la fragilità di Thomson, l’impeto delle sue pulsioni in contrasto con quelle dei colleghi.
Ma fa di più, punta il dito contro la società contemporanea e la dilagante moda di far parte dei social network, illudendosi di diventare affermati e stimati, accumulando semplicemente centinaia o migliaia di contatti.
I punti di forza dell’opera sono molteplici: una recitazione ad altissimo livello, l’originalità della trama, l’attualità dei temi trattati e l’esperimento, impegnativo ma sicuramente riuscito, di girare un film con un unico e quasi ininterrotto piano/sequenza, entrando nei gangli nascosti del teatro di prosa e nelle nevrosi che accompagnano solitamente la vita degli artisti. 
Ma il merito maggiore sta forse nell'aver posto l'accento sulle difficoltà della performance teatrale rispetto a quella filmica.
Pareri alquanto discordanti sono stati rilasciati a proposito del valore del film. C'è chi lo accusa di aver messo troppa carne a cuocere, senza mai accendere effettivamente il fuoco e chi lo ritiene un capolavoro, per il realismo e le novità tecnico-linguistiche. 
Senza volersi addentrare nella diatriba critica, una cosa si può affermare con certezza: Birdman segna un’ulteriore divaricazione fra il cinema convenzionale, quello cioè delle grandi trame, sviluppate con riprese di taglio tradizionale; e quello del cinema del futuro, che tende a raccontare l’attualità, senza decorativismi o trame compiacenti, attraverso un utilizzo inedito e rivoluzionario della cinepresa, che diviene più di una longa manus, una parte integrante del pensiero e della stessa mente del regista.

                 Nigel Davemport

28 commenti:

  1. Credo che sia un film sospens,non so se sia giusta la parola, credo che devi essere sempre con ansia per vedere cosa sta succedendo, caro Guardiano.
    Se mi capiterà lo vedrei volentieri.
    Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un film sospens. Come dimostra Keaton proprio all'inizio.. ihih..

      Elimina
    2. Ciao Tom,
      non potrei definire Birdman un thriller, ma sicuramente sa mantenere alto l'interesse.
      Un caro saluto, amico mio!

      Elimina
  2. Anche se non fosse scopiazzato dal web, non potrebbe mai competere con l'interessantissimo l'articolo di Franco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovy non essere cattiva altrimenti rivelerò a tutti cosa mi ha detto il Guardiano: che ti sei addormentata nei trenta secondi di fermo immagine sul corridoio vuoto... a proposito, che mi avresti detto di quella scena (se non avessi russato?)

      Elimina
    2. Una scena iperrealistica volta a dimostrare che la realtà è fatta pure di pause...
      Ciao spione ;-)

      Elimina
    3. Ma tu guarda 'sta fanatica!

      P.S.
      Mò pure 'e pullece teneno 'a tosse.

      Elimina
    4. Per forza... chi pratica (il) zoppo impara a zoppicare ^__*

      Elimina
    5. Per una volta l'allieva ha superato i maestri ;-)

      Elimina
  3. ah ah ah...lol ;))
    come sempre caro guardiano giovy si diverte a demolire tutte le tue fatiche...ma anche stavolta sei stato grande!
    mi hai incuriosito e appena possibile andrò a vedere il film ;)
    bacissimi
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale,
      meno male che ci sei (anche) tu!
      Bacioni e grazie ^__*

      Elimina
  4. Per me un gran bel film da vedere e rivedere per scoprire ogni volta una nuova, impercettibile ma importante sfaccettatura della trama e dei contenuti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo, egregio amico.
      Grazie della partecipazione e a rileggerci...

      Elimina
  5. Graditissimo e sentito omaggio ad una pellicola che ben sai quanto mi abbia favorevolmente impressionato. Approvo particolarmente quell'uso "rivoluzionario" della cinepresa cui fai giustamente riferimento. Un film che ho rivisto con estremopiacere, prima per assaporarne le piacevolezze e poi per scoprire dettagli sfuggiti (e non erano pochi.. come le meduse - fondamentali - in fotogramma tra i titoli iniziali e anche magheggi di regia (per far apparire in piano sequenza anche momenti dove in realtà si taglia..). Felice di averti consigliato questa pellicola, che per un amante del teatro rimane chicca imperdibile.. quanti di noi non hanno mai alternato anche duri scazzi dietro le quinte ai saluti sorridenti, tenendosi anche per mano, di fine spettacolo? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il caso di dire che non potevo rimanere insensibile al grido di dolor... al tuo cortese invito, dunque ho visto il film e ho buttato giù due impressioni a caldo, come promesso.
      Un caro saluto, socio ^__*

      Elimina
  6. Caro Nigel le tue recensioni sono sempre complete ed esaustive ,ma anche interpretative di alcuni aspetti che possano passare inosservati ai più distratti: dopo tutto ciò il film viene assaporato in tutt'altra dimensione.
    Ti auguro una buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cetty,
      grazie per la partecipazione e le parole di stima, che ricambio.
      Un caro saluto e a presto!

      Elimina
  7. Nigel adesso sono ancora un pò "suinata" quindi rifletterò con calma sulla tua recensione.
    Passo per dare a tutti un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Melinda,
      non immagini quanto mi dispiaccia saperti ancora "suinata", perciò t'invito a resistere e a vincere al più presto questa match.
      Abbraccio ^__*

      Elimina
  8. Purtroppo sono ignorante in molte cose e anche nel cinema non sono da meno. Posso solo dire che non ho visto questo film ma lo vedrò appena mi sarà possibile ^^ . Mi hai fatto conoscere un film di cui avevo sentito parlare guarda caso poco tempo fa. Forse è un segno del destino! ;) Forse è segno che lo debba vedere! Provvederò al più presto! Adoro il tuo modo di scrivere ^^ . A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dream,
      grazie della gradita presenza e grazie per l'apprezzamento; comunque anche tu non scherzi in quanto a creatività e fantasia! ^__*
      Un caro saluto.

      Elimina
  9. Il film non l'ho ancora visto. Ma prima o poi ci riesco e allora saprò dirvi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari,
      siamo certi che saprai illuminarci.
      Un caro saluto e a rileggerci... ^__*

      Elimina
  10. Ciao Nigel, ho letto la tua recensione, ma non ho visto il film, so che quando descrivi qualcosa, parli di arte cinematografica da buon intenditore, quindi non mi resta che vedere il film e cercare di capire tutte le sfumature.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaetano,
      anch'io mi sono incuriosito, leggendo l'ottimo articolo dell'amico Franco.
      Se ti capita di vedere Birdman, saremo lieti di sapere che ne pensi.
      Grazie per la gentile partecipazione.
      A presto!

      Elimina
  11. Ciao Nigel, come sempre , le tue eccellenti ed esaustive recensioni cinematografiche incuriosiscono.
    Quindi non resta che andare a cinema.
    Buona notte
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rakel,
      ti ringrazio per la gentile attenzione, ma devo precisare che ho recensito questo film, su invito di un amico, lui però lo aveva già commentato molto meglio di me. Ti suggerirei di dare un'occhiata qui: http://francobattaglia.blogspot.it/2015/02/birdman-loscar-subito.html
      Buona serata.

      Elimina