L' A N G O L O ..D E L.. S O R R I S O

- Non s'invecchia con l'avanzare dell'età, ma quando si smette di ridere -

Lettori fissi

venerdì 8 gennaio 2016

VENDO CHIACCHIERE


      
       Stimatissimi amici,

il sogno di diventare uomo di spettacolo rischia d'infrangersi contro un ostacolo insidioso e forse insormontabile: la peluria di mezzi


Già, perché per far soldi, paradossalmente, bisogna avere soldi! Io ho inviato un'immagine mia alle varie produzioni televisive, col mio nuovo e irresistibile look, ma ieri un amico mi disse che non va bene; invece, se facessi un bel book fotografico, di quelli artistici, fighi, avrei molte possibilità in più di sfondare; ad esempio, potrei inviarne delle copie e partecipare a Letto Sfatto; Mici di Malìa; oppure Ovini e Donnole, etc... etc. 
Sul momento, il consiglio del mio amico mi piacque e feci un salto di gioia, ma poi ci riflessei pensai su e mi resi conto che non posso permettermelo: i servizi fotografici costano parecchio ed io non ho il becco di un centesimo.
La crisi purtroppo ha colpito tutti; la mia azienda sta andando a rotoli, la gente mangia poco, non ci sono più quelle belle abbuffate di una volta; per non parlare di un altro capitolo spinoso: mia moglie. Mi sta mandando sul lastrico, spende cifre astronomiche in profumi, lozioni, ceroni, cerette, creme antirughe e bendaggi vari. Ci ha la pelle che se ne cade a pezzi, è una sorta di budino tremulo, ma si è fissata che vuole ringiovanire. Se la vedeste aggirarsi per casa tutta unta e bardata... sembra una mummia, la moglie di Tutankamen




Quasi- quasi, metto un cartello fuori alla porta: MUSEO EGIZIO, così richiamo gente e incasso i soldi del biglietto.
Intanto, però devo capitalizzare al più presto, perciò mi è venuta un'idea: voglio vendere chiacchiere
Vi assicuro, amici, chi si servirà da me resterà soddisfatto. Sarò io, personalmente a fare le chiacchiere. 
Basta che voi mi facciate un cenno e io ve ne spedirò quante ne volete. State tranquilli, il prezzo è onesto.



RICETTA delle CHIACCHIERE

Formate una fontana con la farina, quindi unite al centro l’uovo, il burro ammorbidito, lo zucchero, il pizzico di sale, la scorza di limone grattugiata e il lievito.

Cominciate ad impastare unendo progressivamente anche il latte ( un cucchiaio). Una volta che il composto sarà diventato omogeneo e non appiccicoso, formateci una palla.

Tirate detto impasto con un mattarello o con la macchina tirapasta in una sfoglia sottile di 3/4 mm.

Con una rotella dentellata ricavate dalla sfoglia dei rettangoli di medie dimensioni (12 x 8 cm) e nel centro fategli due tagli equidistanti dalla parte del lato più lungo del rettangolo, così come potete vedere in foto.

Portate l’olio di arachide a temperatura in un tegame di alluminio dai bordi alti. Friggete le chiacchiere, poche alla volta, fino a completa doratura da entrambe i lati.

Una volta cotte, scolatele su carta assorbente per togliere l’olio in eccesso.

Spolverate le chiacchiere con il zucchero a velo e consumatele calde.

50 commenti:

  1. Caro Guardiano, una ne fai e cento ne provi, sicuramente una cosa è giusta vendendo chiacchiere è sicuramente un affare, pensa che pure io oggi le ho comperate, e ti assicuro che erano buonissime,
    il resto poi mi da sempre il buon'umore.
    Ciao e buon fine settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso,
      grazie della cortese visita, adesso però mi aspetto che faccia un cospicuo ordinativo di...chiacchiere.
      Un abbraccio.^__*

      Elimina
  2. Come ti permetti di scrivere che sarei un "budino tremulo"! E allora tu che sei già morto e non te ne sei accorto...!!! ;-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Giovy, ben detto!
      ;))

      Elimina
    2. "Budino tremulo" è un complimento!
      Se fossi stato obiettivo, avrei dovuto scrivere: "corpo cadente e membra raccogliticce".

      Elimina
  3. Guardiano non lasciarti intimidire, insisti insisti che tutto conquisti. Fotografa tua moglie con le pellazze pendule, fanne stampe colorate, fai sgorbi di qui e di là e rivendile come opere di arte moderna, così finalmente darai un senso alla tua vita matrimoniale.
    Non ti abbattere! Chi non risica non rosica e alla sera tutti dobbiamo aver mangiato altrimenti il ventre miagola ed il tuo che è particolarmente robusto più che miagolii emetterebbe ruggiti.
    Tienimi informato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vincenzo,
      se c'è una cosa che non mi sfiora proprio è il timore. Farò come dici, inaugurerò un nuovo movimento il DISFACIMENTISMO . E grazie per i preziosi consigli che dispensi..
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
  4. ..oggi sono stata in banca ed ho visto depositare allo sportello una valigia di banconote da un povero DISEREDATO.......
    meravigliata ho chiesto se avesse vinto alla lotteria -NO- mi ha detto
    --Vendo fumo---
    ..caro guardiano a buon intenditore poche parole!

    @Giovy
    " non ti curar di lui ,passa e non guardarlo:è cieco come una talpa vecchia.
    Una abbraccio totale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Cettina cara,
      il guardiano è un matusa miope e rompiscatole.
      Abbraccione a te ;-)

      Elimina
    2. Effettivamente, Cettina cara, il fumo e i
      venditori di fumo sono di gran moda.
      Grazie per l'immancabile e simpatica presenza.
      Un abbraccio e buon we
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
  5. Guardiano caro, carnevale è alle finestre, pardon è alle porte ed io due chiacchiere le masticherei volentieri,(dato che mia moglie me le fa solo a carnevale) mentre io le faccio, pardon le mangerei tutto l'anno,sai che dalla foto rassomigli ad Ornella Vanoni, niente niente sei un parente? Per questo hai peluria di fondi del caffè?
    Ciao Nigel buona vita, un saluto alla Giovy che ti ispira(o ti aspira con l'aspirapolvere data la peluria?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaetano,
      grazie, un caro saluto anche a te ;-)

      Elimina
    2. Ciao Gaetano,
      io non volevo svelarlo, ma dato che te ne sei accorto, confermo: sono il nonno di Ornella Vanoni.
      Grazie della simpatica presenza.
      Un caro abbraccio
      .
      .
      ^__*

      Elimina
  6. ah ah ah ah lol e stralol ;)))
    grande guardiano... ha ragione tomaso una ne inventi e cento ne fai
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi adpero per divertirvi, cara Vale e a quanto pare ci riesco.
      Baci.
      .
      .
      .
      ^__*

      Elimina
  7. Quei tuoi cambi di lettere o vocali mi fanno morire dal ridere.
    Sei imbattibile e vorrei che mi spsdissi un po' di chiacchiere per raccomandata cobtrassegno.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cris,
      non immagini quanto mi faccia piacere leggere queste parole. In fondo, questo è lo scopo degli autori del blog: divertirci e far divertire.
      Naturalmente, ti spedirò due quintali di chiacchiere...gratis
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
  8. Io le chiacchiere le amo. Ci posso passare giornate intere a farle e mangiuccchiarle. Vuoi vedere che finalmente hai trovato un mezzo di sussistenza tale da permetterti di sopravvivere in questo "mondo difficile"?
    Cara Giovy, ho per amici fior di avvocati, sappi che sono esperti in diritto matrimoniali e in cause di divorzio. Non perdere altro tempo amica mia, dopo le ingiurie subite con questo post...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Mariella cara.
      Aspetto che mi passi i relativi recapiti Bacioni ;-)

      Elimina
    2. Mariella cara,
      dopo che hai abiurato la trippa - la nobile trippa - temevo che più niente potesse piacerti. E invece...
      Vuoi vedere che, grazie alle chiacchiere, riesco ad espugnare il tuo cuore!
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    3. Grazie per avere postato la ricetta! Le adoro ma le preferisco al forno :))) adesso vogliamo un video che provi che sia davvero tu a farle ahahahah

      Elimina
    4. Va bene, posterò il video, pretenziosa signora; e dopo mi riserverai finalmente un posto nel tuo...
      .
      .
      .
      .
      ricettario di cucina?!?
      .
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    5. Giovy se molli il Guardiano tienimi sempre in considerazione... ;))

      Elimina
    6. Solo in considerazione? Ma io ti terrò in stra-considerazione!
      Solo una stupida potrebbe ignorare le avance di un uomo con le tue qualità...finanziarie.
      Un saluto e bentornato carissimo ;-)

      Elimina
    7. Svergognata!!!
      Ma allora tu, a un uomo brutto, squattrinato e impotente, preferisci un uomo bello, ricco e possente?!? ;-(

      Elimina
  9. Innanzi tutto caro Guardiano, vorrei sapere che ingredienti metti in codeste chiacchiere, e se saranno genuini te ne ordinerò in gran quantità.
    Per il book fotografico ti consiglierei una quelle cabine dove si effettuano foto a ripetizione per carte d’identità, vengono bene e risparmieresti tantissimo, però sii veloce a cambiar posa…
    Però… se tu non hai il becco di un centesimo, dove li prenderebbe la tua bella moglie i soldi per il suo benessere?
    Eh eh eh… mi sa che le tue chiacchiere sono solo fandonie, ma penso pure che a questo mondo vanno tanto di moda, quindi buttati, secondo me diventerai miliardario!

    P.S. I capelli alla Vanoni ti donano assai…
    >——————————————>
    Sempre molto divertente.
    Un caro saluto e buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RICETTA delle CHIACCHIERE
      Formate una fontana con la farina, quindi unite al centro l’uovo, il burro ammorbidito, lo zucchero, il pizzico di sale, la scorza di limone grattugiata e il lievito.

      Cominciate ad impastare unendo progressivamente anche il latte ( un cucchiaio). Una volta che il composto sarà diventato omogeneo e non appiccicoso, formateci una palla.

      Tirate detto impasto con un mattarello o con la macchina tirapasta in una sfoglia sottile di 3/4 mm.

      Con una rotella dentellata ricavate dalla sfoglia dei rettangoli di medie dimensioni (12 x 8 cm) e nel centro fategli due tagli equidistanti dalla parte del lato più lungo del rettangolo, così come potete vedere in foto.

      Portate l’olio di arachide a temperatura in un tegame di alluminio dai bordi alti. Friggete le chiacchiere, poche alla volta, fino a completa doratura da entrambe i lati.

      Una volta cotte, scolatele su carta assorbente per togliere l’olio in eccesso.

      Spolverate le chiacchiere con il zucchero a velo e consumatele calde.
      .
      .
      .
      .
      Ciao, nobile e generosa amica, un sincero sorriso
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
  10. dopo aver letto la tua ricetta ci divertiremo a TIRARE PALLE....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione Cetty,
      seguendo questa ricetta, il massimo che ne vien fuori sono appunto dei "proiettili" per il tiro a bersaglio
      Buona domenica
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
  11. Una ricetta semplice e realizzabile, che seguirò alla lettera, per "dolcificare"
    tante chiacchiere, che hi in mente, ma che non posso dire, per non contrariare persone che non hanno fatto il loro dovere fino in fondo....
    Sempre simpaticissimi i tuoi post, guardiano,per un attimo di allegro sollievo dalle incombenze della vita.
    Cari saluti a tutti,silvia

    RispondiElimina
  12. >tante chiacchiere, che hi in mente,
    > ma che non posso dire

    Ciao Silvia,
    lieto come sempre di vederti.
    Ad essere sincero, la frase che ho quotato sopra m'incuriosisce un po'; non potresti spiegarne il significato...? ^___*
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  13. Io vendo sogni invece, Guardiano carissimo. Il problema è che ne compro anche un casino. Li rimetto a posto, li arzigogolo, li coccolo, gli monto la testa. Poi cerco di rivenderli. Ma non a tutti, a chi amo o credo di amare soprattutto. Ma me ne restano un casino invenduti.
    E allora ci sogno sopra.
    Una compravendita con la quale non si si campa affatto bene come avrai potuto notare.
    Un mercato che serve solo a tormentarsi ulteriormente.
    Come se la vita da sola non fosse già ampiamente sufficiente alla bisogna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stimatissimo amico (nonché socio) lasciami rispondere con il vecchio e sempre valido adagio: "Carmina non dant panem", cioé: "Carmine non vende pane".
      Scherzi a parte, l'aforisma si può tranquillamente applicare ai sogni, che nella maggioranza dei casi rimangono tali, cioé insoddisfatti, altrimenti che sogni sarebbero!
      Anch'io inseguo chimere, dunque non sto a fare sermoni. Condivido anzi la tua filosofia: la vita da sola non basta, bisogna condirla coi desideri... aspettando una nave che (perdona l'autocitazione) non arriverà ;-(
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Sto rassegnandomi alla banchina deserta...

      Elimina
  14. OK!
    Aggiudicato! Le chiacchiere per Carnevale, grazieeeeee!
    E se Giovy si libera ho un sacco di amichetti da presentarle!
    E tu Nigel persa lei che farai?
    Buona Domenica, smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pia, tu sei così garbata e simpatica, che per te faccio un'eccezione, le chiacchiere te le regalo, devi solo mandarmi cento euro per la spedizione
      Un abbraccio.
      .
      .
      .
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    2. O cavolicchio non ho calcolato la spedizione...
      Vabbe`mi metto in macchina e vengo a ritirare io... ; )))

      Elimina
  15. Sai che va di moda lanciare un'idea su Internet ed ottenere una partecipazione per il progetto. Pensaci. La ricetta delle chiacchiere (dette anche "galani" dalle mie parti - elle muta naturalmente) la conoscevo già, ma fa sempre piacere trvarne una con delle novità. A quando quella delle frittelle ?
    Ciao Nigel, un saluto a tutta la combriccola ed uno particolare a Giovy che è venuta a trovarmi sul blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Elio e bentornato!
      Tranquillo, per corrispondere alla tua gentile richiesta, procederò ben presto a pubblicare la ricetta delle frittelle, poi quella dei taralli e di altre leccornie, sino a diventare un riferimento culinario imprescindibile per tutti i miei lettori.
      Adesso scordavo, (la) Giovy ricambia affettuosamente i saluti.
      Buona serata e a presto
      .
      .

      ^___*

      Elimina
  16. Bel racconto divertente però ti fa pensare la situazione di oggi che non è tanto bella, complimenti.. La cosa strana ho sorseggiato una tisana alle spezie mi pizzica la gola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > mi pizzica la gola

      Stimatissima amica, nel ringraziarti per la gradita visita, vorrei invitarti a non assumere più niente senza prima interpellarmi. Come ti sarei accorta ormai io sono uno CHEM di prim'ordine.
      Saluti.

      Elimina
  17. Le chiacchiere son buone, ma quelle non mancono mai... Bel racconto complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, dolse putea, le ciacole son proprio bon; ne mangiaria un saco assieme a ti su una condoeta al Canal Grando...
      .
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    2. Lo so che te piasaria...far un giro in gondoetta con me tra una ciacola e un altra ad amirar el ponte de kalatrava

      Elimina
    3. Me lambicco el cervello zorno e notte
      per far sonetti grassi e divertenti
      per far venir a Nuvola una cotte
      ma ella vol ben altri pretendenti.

      Non dei bacucchi imbranadi e veci
      ma ragazzon che vadan bene a caccia
      che sappian sussurrar nelle sue reci
      e farla poi cader nelle lor braccia.
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    4. Ho deciso me Fasso monaca!!!!

      Elimina
    5. Tanto che fanno pena questi versi?!? ;-O

      Elimina